GLI ALUNNI DELL’IISS DA VINCI-MAJORANA TRA I VINCITORI REGIONALI DEL CONCORSO CUSMIBIO “UNA SETTIMANA DA RICERCATORE”


BRUNO BELLOCCI  e SILVANA PORTICELLI, alunni della IV B delle Biotecnologie Sanitarie, hanno partecipato nel mese di Maggio al concorso “Una settimana da ricercatore 2019 ” rivolto a tutte le scuole secondarie di secondo grado a livello nazionale e organizzato da CUSMIBIO – Centro Università degli Studi di Milano – Scuola per la diffusione delle Bioscienze, con cui collabora l’Università di Bari.

La prova è consisitita in test su temi di BIOLOGIA, GENETICA e BIOTECNOLOGIE che i nostri alunni hanno brillantemente superato, collocandosi nella graduatoria regionale rispettivamente al 2° posto Bellocci (39° nella graduatoria nazionale) e al 7° posto Porticelli,  rientrando così nella rosa dei 12 vincitori regionali del concorso. Gli alunni frequenteranno nel periodo estivo uno degli stage proposti dall’Università degli Studi di Aldo Moro, avendo così la possibilità di vivere nuove esperienze di laboratorio e, soprattutto, di orientarsi verso il futuro.

Il progetto CusMiBio nasce nel 2004 dalla collaborazione tra l’Università degli Studi di Milano e l’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia con lo scopo di fare interagire il mondo scientifico universitario con la scuola secondaria di secondo grado, coinvolgendo nelle attività di laboratorio e di formazione, docenti di scienze e studenti delle scuole lombarde, ma anche del territorio nazionale.

Il settore di intervento del progetto CusMiBio è la “Science Education” e l’obiettivo è avvicinare gli studenti alla ricerca scientifica offrendo soluzioni didattiche e pratiche che aumentino l’interesse dei giovani verso le Bioscienze. Per questo, gli alunni più meritevoli, attraverso tale concorso, partecipano agli stage gratuiti di una settimana offerti dalle Università che collaborano con CusMiBio.

Documenti dei Consigli di Classe a.s. 2018/2019


Qualificazione alla fase nazonale delle Olimpiadi di Scienze Naturali


QUALIFICATO ALLA FASE NAZIONALE DELLE OLIMPIADI DI SCIENZE NATURALI 2019 IL NOSTRO ALUNNO MARCO CAPUTO DELLA 2A

Anche quest’anno il nostro Istituto ha partecipato alla diciasettesima edizione delle Olimpiadi di Scienze Naturali organizzate dall’ANISN (Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali) e promossa dal Ministero dell’Istruzione e della Ricerca Scientifica.
Dopo una fase di Istituto che ha visto coinvolte diverse classi, sia del Liceo Scientifico che del tecnico biologico, ed impegnate le prof.sse Giancaspero e G. Dattolo nella preparazione degli alunni, sono stati selezionati 8 studenti (5 per il triennio e 3 per il biennio) che hanno partecipato alla fase regionale tenutasi a Bari il 27 marzo.
Con grande soddisfazione di tutti il nostro alunno Marco Caputo della 2^A è risultato terzo su 125 studenti del biennio di tutta la Puglia e si è così guadagnato la partecipazione alla fase Nazionale che si terrà a Pavia dal 10 all’11 maggio.
Il 29 aprile si è tenuta la premiazione degli alunni vincitori della fase regionale delle Olimpiadi presso il Dipartimento di Scienze della Terra e Geoambientali dell’Università di Bari preceduta da una interessantissima conferenza del Prof. Domenico Capolongo sui cambiamenti climatici e le loro drammatiche conseguenze sul nostro pianeta.

Marco Caputo con il suo Diploma d’Onore con a sinistra la Prof.ssa Rosa Roberto presidente dell’ANISN Puglia, la prof.ssa Luciana Daddabbo responsabile regionale delle Olimpiadi di Scienze Naturali e, a destra, il Prof. Domenico Capolongo dell’Università di Bari.

 

La fase nazionale prevede 2 prove una consistente in un questionario analogo a quello delle prove regionali, e una prova pratica per coloro che avranno superato la prima prova. I primi dieci classificati parteciperanno alla fase di preparazione alle Olimpiadi Internazionali di Scienze della Terra (IESO) che si terranno il 26 agosto prossimo in Corea del Sud, cui parteciperà una squadra di 4 studenti scelti tra i 10 classificati. A prescindere dai risultati ottenuti, la partecipazione alle Olimpiadi è comunque una esperienza importantissima per i ragazzi sia sotto il profilo didattico che umano potendosi confrontare con realtà diverse e con altri ragazzi che hanno la stessa passione per le Scienze Naturali
I nostri complimenti e un grande IN BOCCA AL LUPO a Marco.

Il referente per le Olimpiadi di Scienze Naturali